Una gravidanza spensierata

 

La gravidanza é un periodo dalla vita della donna veramente speciale e unico, che ognuna vive in maniera estremamente diversa.

C’ è chi lo considera uno dei periodi più sereni e felici della propria vita e chi invece lo vive come una specie di supplizio, di cui si attende solo il termine.

 Per questo e per altri svariati motivi, sconsiglio a qualsiasi futura mamma di comprare quei fantastici libri sulla gravidanza, dove sono indicati con estrema precisione perfino i grammi che la donna dovrebbe aver acquisito, in quella determinata settimana ( e tu chiaramente hai preso come minimo il doppio), il tutto accompagnato da inaccettabili fotografie, di una modella chiaramente, che prima della gravidanza pesava 45 chili e al terzo mese ne pesa 46 e mezzo, mentre tu, come molto spesso capita, nei primi tre mesi ti sei farcita come un abbacchio di almeno 5 chili in più.

Il periodo della gravidanza è costituito da fasi molto diverse tra loro, perchè i primi tre mesi, fortunata o meno, sono diciamocelo un po’ faticosi, a volte capita di sentirsi come la protagonista di “Alien”, non sei più padrona del tuo fisico, che si comporta in modo del tutto diverso dal solito, hai le nausee o comunque qualche fastidio simile, poi c’è un po’ di agitazione perchè nei primi tre mesi è più frequente la possibilità di distacco, e quindi si è un po’ così, in attesa di capire quello che stà succedendo.

Tra l’altro a proposito di “Alien”, sempre in quei fantastici libri sulla gravidanza, sono rappresentate anche le immagini del futuro nascituro in tutte le varie fasi di accrescimento, bè all’inizio non c’è grande differenza tra il futuro neonato e il mostriciattolo del film e se la mamma aveva già un accenno di nausea, quella specie di gamberetto sulle pagine del libro, fornisce il colpo di grazia.

 I 5 mesi successivi, secondo la mia opinione sono molto belli, ormai ti sei rassegnata al fatto che stai diventando una piccola moby e non tena frega niente, perchè comunque ti vedi o ti senti bene.

Ed è così che appari anche all’occhio esterno, perchè la tua pelle ha un colorito acceso, il viso è luminoso, sei piena di ormoni “buoni” che ti girano in corpo e svolgono le loro funzioni ,rendendoti carica di energia e di buon umore.

In questo periodo si ride veramente, si ride come quando eri in classe con la tua compagna di banco e ti scappava quella risata che più cercavi di contenere e più diventava forte e tutto questo benessere lo trasmetti a chi ti stà accanto.

 Gli ultimi tre mesi, ma in particolare nell’ultimo mese, la bilancia è stata ormai regalata al vicino di casa ,perchè nonostante le indicazioni e la dieta fornita dal ginecologo, i chili continuano ad aumentare e tu ti rifiuti di credere al peso indicato da quell’attrezzo infernale, che sicuramente è guasto, ma per evitare dubbi, lo fai sparire.

Tanto comunque, quasi ogni mese, ti tocca la “pesa” dalla ginecologa e lì ci si inventa ogni cosa ( ho appena mangiato, non sono andata al bagno, sono gli orecchini che sono pesanti, ecc. fino a mentire spudoratamente sul peso indicato, tanto la dottoressa è seduta lontano dalla bilancia e non la può vedere).

 Evitate di ascoltare racconti di vicende personali del parto, evitate di guardare su internet filmati di parti a casa, in acqua, per aria, sotto ad un pino ecc.

Parlate con un’ostetrica possibilmente, dell’ospedale in cui avete deciso di partorire, non fate gite turistiche del reparto maternità, perchè non c’è niente da vedere.

Cercate di avere fiducia nelle figure mediche che vi circondano in sala parto e nello stesso tempo sentitevi però libere di chiedere e domandare se si hanno dubbi, o non si è convinti su qualcosa e cercate di essere più calmi e rilassati possibile, (è una parola!!!).

Un’amica spensierata.

Non sono presenti commenti

Inserisci un commento